La Nazionale del futuro

domenica 1 gennaio 2017

La Nazionale di calcio italiana 2006. (foto com.) ndr.

di Redazione

BARI, 1 GEN. - L’ultima bella figura l’abbiamo fatta in Germania nel 2006 vincendo il quarto titolo mondiale. Poi se non buio pesto si è vista poca luce. Le squadre di club, condannate a vincere in Italia e in Europa, hanno farcito gli organici di una serie irripetibile e sconfinata di stranieri sempre meno talentuosi, ma molto costosi. Si è sacrificato il settore giovanile saccheggiando a mani basse squadre estere con giovani più o meno talentuosi, ma spesso al di sotto di giocatori italiani soffocati dalla marea esterofila e condannati a patire l’anonimato del purgatorio delle categorie inferiori. 
E’ così non abbiamo dato continuità ai Del Piero, Totti, Pirlo, Inzaghi, Toni, Nesta e Cannavaro. Forse, ma il dubbio è lecito, si è cominciato a focalizzare che non puntare sui giovani e farli crescere in prospettiva futura avrebbe significato vagare nel “Limbo” della mediocrità e dell’indifferenza e dopo alcuni anni meno felici, ora la Nazionale e il calcio italiana sta scoprendo tutta una serie di giovani talenti di belle prospettive. Giampiero Ventura ha iniziato a programmare il futuro dell’Italia, consapevole che al termine di questo biennio la Nazionale dovrà necessariamente andare incontro a un ricambio generazionale.  Ed è per questa ragione che il CT, per arrivare in Russia a giocarsi il Mondiale, ha deciso di abbinare l’esperienza di giocatori navigati alla freschezza dei giovani, pur facendo attenzione a non stravolgere l’identità che Conte aveva impresso alla squadra.  Per alcuni, però, va tenuta in considerazione l’età anagrafica e, allo stesso tempo, per nostra fortuna, c’è un buon numero di giovani promettenti che sta emergendo durante questo campionato. Il Commissario Tecnico al momento può contare sui vari Verratti, Insigne, Belotti e Immobile, ma come sarà l'Italia del futuro? Difficile prevederlo, ma le basi ci sono. Partiamo dal reparto difensivo In porta, il miglior giovane italiano è Donnarumma. 
Il portiere del Milan. Davanti al portierone del Milan ci sono i due atalantini Caldara e Conti e su Rugani della Juventus. Centrocampo di quantità e qualità con Bernardeschi, Gagliardini, Benassi e Pellegrini. Il giocatore della Fiorentina ha realizzato 10 gol. Completo invece Pellegrini. Stesse reti anche per Benassi mentre sotto il profilo realizzativo è in crescita Gagliardini. In attacco su tutti il “gallo” Belotti, e con comprimario Petagna, l'ennesimo giocatore dell'Atalanta.Chiude il terzetto d’attacco Berardi. il suo talento non si discute.



0 commenti:

Posta un commento

Dite la vostra!

Video Calcio

Loading...
Loading...





Responsabile dei Servizi Sportivi: Mario Schena
 
Calcio Online © 2017 | Designed by Studio Sciortino Bari per La Gazzetta Meridionale.it e Sport Online
Calcio Online - Sport Magazine non registrato supplemento de La Gazzetta Meridionale.it | Direttore Responsabile Vito Ruccia - Vicedirettore: - Editore Proprietario: Studio Sciortino Bari | Spot by Aruba Media Marketing
Per la vostra Pubblicità su questo Magazine Online inviate una e-mail a: commerciale@lagazzettameridionale.com
Salvo accordi scritti le collaborazioni con la redazione di Sport Online sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite.