Calcio e legalita’ possono convivere. “Scommettiamo”?

domenica 16 dicembre 2012


di Rino Lorusso

BARI- Si è svolto, venerdi 14 dicembre, dinanzi agli spalti gremiti del Palazzetto dello Sport "San Pio" di Bari, il seminario dal titolo "Calcio e legalità" organizzato dall’Asd Sporting Santo Spirito. L’intento, come ha dichiarato il dott. Michele Danza, vice presidente dell’Asd, è di far capire che il calcio pulito è regola necessaria e imprescindibile, soprattutto alla luce delle ultime note vicende degli scandali sulle scommesse. Sono intervenuti al dibattito Ciro Angelillis, Sostituto Procuratore della Repubblica di Bari, Francesco Ghirelli, Direttore Generale della Lega Pro, Fabrizio Nitti, giornalista sportivo, Chiara Sambaldi, avvocato esperto nel contrasto al fenomeno abusivo delle scommesse, Giovanni Longo, cronista, Enzo Tamborra, giornalista, Fabio Ricci, responsabile Area giochi e scommesse Snai spa sportivo, Antonio Bartolomucci, giornalista sportivo, Antonio Di Gennaro, opinionista Sky, Marco Dinapoli, Procuratore della Repubblica di Brinidisi e Roberto Rossi, Magistrato componente del Consiglio superiore della Magistratura, per la chiusura dei lavori. Moderatori dell’incontro sono stati Marco Guida, Magistrato gip tribunale di Bari e Max Sisto, giornalista. Un parterre di tutto rispetto che ha offerto spunti di riflessione importanti sulla necessità di costruire un nuovo calcio improntato sulla trasparenza e sulla legalità, ma che ha evidenziato alcune patologie croniche del mondo del calcio quali, per esempio, la difficoltà di innovarsi, di cambiare una normativa che, ad oggi, permette ai calciatori “venduti” di ritornare sui campi di calcio dopo un breve periodo di squalifica. Quindi, da più parti è stato sollecitato un percorso di cambiamento, un intervento immediato anche se complesso. Infine, scroscianti applausi sono stati indirizzati all’attenzione di Antonio Di Gennaro quando, durante la sua testimonianza, ha affermato con veemenza la sua contrarietà a commentare partite con calciatori condannati dalla giustizia sportiva. Numerosi i presenti in sala fra i quali Sergio Fanelli assessore provinciale, dott. Gianni Antonucci, esperto e tifoso del Bari e opinionista Telebari, Gigi Frisini, opinionista Telebari e avv. Giancarlo De Peppo, tifoso ed esperto di mercato del Bari. Al termine dell'incontro si sono giocate due partite di calcio della durata di trenta minuti l’una:la Rappresentativa Magistrati/Forze dell'Ordine contro la Rappresentativa Giornalisti/Organizzatori e, a seguire, l'incontro tra A.S.D. Sporting Santo Spirito e S.S. Barletta Calcio (calciatori del Settore Giovanile). 


Antonio Di Gennaro al microfono di Rino Lorusso
Interviste al termine del seminario. 
Antonio Di Gennaro, opinionista Sky: 1) Il calcio, dopo gli ultimi scandali, rischia di perdere anche i tifosi oltre che la propria credibilità? Assolutamente si. Agli stadi va poca gente e sempre meno. Questo fenomeno va attribuito a diversi fattori quali, stadi brutti, costi eccessivi, perdita dei valori e infine questi scandali che compromettono fortemente il rapporto tra calcio e tifoso. 2) Lei ha giocato al calcio ad alti livelli. In passato ci sono stati fenomeni di calcio scommesse, così evidenti, come quelli a cui stiamo assistendo negli ultimi tempi? Credo di no. Gli ultimi scandali hanno rappresentato tutta la sfera del calcio. Proprio per questo, le ultime vicende, hanno indignato tutti e hanno contribuito fortemente alla perdita di credibilità di questo gioco che dovrebbe essere il più bello. Dovremmo recuperare parecchio in questo senso. 3) Perché il vertice del calcio è, oltre ogni limite, conservatore? Essere conservatori fa parte del nostro Dna, così come la politica. Il cambiamento è difficile in Italia. Si mettono i tornelli quando c’è il morto, non si fa una legge che possa consentire alle società di costruire il proprio stadio che possa generare ricavi e nuovi posti di lavoro. 

Ciro Angelillis, Sostituto Procuratore della Repubblica di Bari
Ciro Angelillis, Sostituto Procuratore della Repubblica di Bari: 1) Lei crede che calcio e legalità possano realmente sposarsi un giorno? Devono sposarsi e tornare a vivere insieme. E’ troppo unica la passione, l’emozione che genera il calcio per non tornare a sposarsi con la legalità. E’ un bene preziosissimo che dobbiamo tutelare con tutte le nostre forze almeno per chi, come me, ritiene che, le emozioni che genera il calcio, sono uniche e importanti nella vita dell’uomo. 2) Perché è così difficile cambiare la normativa nel calcio? E’ difficile come lo è per tutte le normative. Il legislatore è preso da tanti problemi, le normative da riformare sono tantissime e quindi bisogna mettersi in coda e aspettare il proprio turno. E’ vero che la legiferazione avviene, spesso, sotto la spinta emozionale, dopo un evento che ha scosso l’opinione pubblica. In tal senso, questo ennesimo scandalo potrebbe essere l’occasione per stimolare il legislatore ad intervenire. 3) Si ha la sensazione che le indagini non finiscano mai. Quando sta per terminarne una, se ne apre una nuova: quanto è ancora inesploso questo scandalo del calcio scommesse ? Questo è il sintomo della diffusione del fenomeno scommesse. L’inchiesta certe volte riesce a far emergere il reato casualmente o per fortuna, ma temo che il problema o fenomeno, esista a prescindere dall’inchiesta. 

Enzo Tamborra, giornalista
Enzo Tamborra, giornalista: 1) Perché siamo così bravi a lasciarci sfuggire Farina? Non c’è una risposta. Il calcio, a volte, ha riassorbito personaggi che dovevano essere allontanati definitivamente dal mondo del pallone e, invece, allontana Farina, al quale sarebbe bastato dare un incarico simbolico per dare un senso a quello che aveva fatto. Non è un caso che avvenga tutto questo nel mondo del calcio. 2) Può spiegarci meglio? Il mondo del calcio è parecchio marcio e ha perso delle grandi occasioni. Sento parlare di prevenzioni, ma dove sono le punizioni severe? Se uno ha sbagliato come Andrea Masiello bisogna toglierli il pallone. I baby calciatori, che osservano, in questo modo capiscono che se sbagliano hanno finito di giocare … 3) Lei pensa che si sta perdendo tempo? Penso che il mondo del calcio invece di girare attorno al problema dovrebbe farsi un grandissimo esame di coscienza. 

Michele Danza, vice-presidente Asd Sporting Santo Spirito
Michele Danza, vice presidente dell’Asd Sporting Santo Spirito: 1) Quando è nata questa associazione? E’ nata nel 2005 con Antonio Frasca, il fondatore, poi successivamente è subentrato un gruppo di amici, tra cui ci sono anch’io. Mi riferisco a Primo Scapellato, Gianni Casale e Pino Cascione. 2) Quali sono gli obiettivi prefissati? Quando siamo subentrati abbiamo cercato di ricostruire e integrare gli obiettivi puntando, in particolare, allo sviluppo psicofisico dei ragazzi attraverso una formazione, mirata, seria, in grado di portare avanti i valori dello sport che oggi sembrano, almeno a certi livelli, dimenticati. 3) Può fare qualche esempio? Certo. Quando parlo di valori, mi riferisco alla cultura della legalità, al rispetto dell’arbitro, dell’avversario. Inoltre proviamo, attraverso un forte impegno nel sociale, a diffondere anche la cultura dello studio prima ancora del calcio stesso, perché è un quartiere periferico con diverse problematiche, e questo, non lo dimentichiamo. 4) Il territorio come sta reagendo a queste vostre iniziative? Ci vuole del tempo per raggiungere degli obiettivi ambiziosi, ma posso dire che, pian piano, qualcosa comincia a muoversi. Questa è la seconda manifestazione che organizziamo ed è andata meglio dell’altra in termini anche di presenze. 

Roberto Rossi, Magistrato 
Roberto Rossi, Magistrato componente del Consiglio superiore della Magistratura: 1) Possono coesistere, secondo lei, sport e legalità? Lo spirito dello sport è fatto di applicazione di regole. Non ci può essere sport senza regole. Il problema è che lo sport oggi è diventato il luogo del profitto e degli interessi. Quando ci sono troppi soldi e tanti interessi purtroppo l’illegalità viene diffusa. Bisogna recuperare lo sport come luogo, come è stato questa sera, in cui ciascuno possa esprimere la propria personalità. Andrebbe valorizzato maggiormente lo sport dei ragazzi, dei piccoli gruppi. 2) Come spiega la scarsa attenzione del calcio italiano ai calciatori come Farina che hanno denunciato il fenomeno del calcio scommesse? Bisogna dire che in Italia il senso della legalità è meno forte che in altri paesi, però è anche vero che tante persone, in questo paese, hanno perso la vita per la legalità. Siamo questa contraddizione.

Foto a cura di Massimo Danza


Se questo articolo ti è piaciuto seguici su Facebook!









0 commenti:

Posta un commento

Dite la vostra!

Video Calcio

Loading...
Loading...





Responsabile dei Servizi Sportivi: Mario Schena
 
Calcio Online © 2017 | Designed by Studio Sciortino Bari per La Gazzetta Meridionale.it e Sport Online
Calcio Online - Sport Magazine non registrato supplemento de La Gazzetta Meridionale.it | Direttore Responsabile Vito Ruccia - Vicedirettore: - Editore Proprietario: Studio Sciortino Bari | Spot by Aruba Media Marketing
Per la vostra Pubblicità su questo Magazine Online inviate una e-mail a: commerciale@lagazzettameridionale.com
Salvo accordi scritti le collaborazioni con la redazione di Sport Online sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite.