Da Blatter a Zeman: "Gli scudetti della Juve non sono 30"

sabato 12 maggio 2012

di Giovanni Sgobba
TORINO- L'estate non è ancora iniziata, ma la temperatura attorno a Torino ed alla Juventus è sempre più calda per le continue dichiarazioni attorno alla questioni scudetti. 30 o 28? Contano quelli vinti sul campo o quelli ufficialmente riconosciuti?
Certamente le dichiarazioni di Joseph Blatter non fanno altro che mettere altra carne sul fuoco. Con una lettera ad Andrea Agnelli, infatti, il presidente della Fifa si è congratulato con la Juventus per il titolo di campione d'Italia appena conquistato ribadendo con convinzione il numero 28: "E' con mio grande piacere porgerle le congratulazioni...Domenica scorsa, a seguito di una grande prestazione, la squadra dei record Juve è riuscita ad aggiudicarsi il 28° titolo. Un grande risultato che, a ragione, ha subito scatenato gioia ed euforia. Perché, dopo nove anni, la Juve si è nuovamente aggiudicata il titolo di miglior squadra italiana di Serie A". "Per questo risultato storico - conclude Blatter - porgo i miei complimenti alla presidenza, a tutti i giocatori, agli allenatori, allo staff di supporto e al management. Auguro a tutti tanto successo e ogni bene! Cordiali saluti". Cosa balza immediatamente agli occhi?Per Blatter l'ultimo biennio vincente della squadra bianconera è stato rimosso: non è casuale il voler ribadire l'ultimo successo avvenuto 9 (nove) anni addietro.
Gli juventini non gradiranno, ma Blatter, certamente un po' sfacciato e quasi non curante della situazione, è stato molto attento e scrupoloso nel rispettare e rispecchiare le decisioni legalmente prese. E mentre la Juventus decide di autocelebrarsi con un enorme scudetto con tre stelle sullo stadio, evita di rispondere ufficialmente alla lettera del Presidente, non pubblicandolo nemmeno sul proprio sito.
Chi certamente si diverte in questa tiritera è Zdenek Zeman, fondatore e primo membro del partito oppositore della Vecchia Signora, il quale afferma: "Ma gli juventini sono fatti così - ride il tecnico boemo - e poi sono liberi di mettersi quello che vogliono. Anch'io se volessi potrei andare in giro con due stelline sulla maglietta. Per me i loro campionati non sono più di una ventina".


Se questo articolo ti è piaciuto seguici su Facebook!









0 commenti:

Posta un commento

Dite la vostra!

Video Calcio

Loading...
Loading...





Responsabile dei Servizi Sportivi: Mario Schena
 
Calcio Online © 2017 | Designed by Studio Sciortino Bari per La Gazzetta Meridionale.it e Sport Online
Calcio Online - Sport Magazine non registrato supplemento de La Gazzetta Meridionale.it | Direttore Responsabile Vito Ruccia - Vicedirettore: - Editore Proprietario: Studio Sciortino Bari | Spot by Aruba Media Marketing
Per la vostra Pubblicità su questo Magazine Online inviate una e-mail a: commerciale@lagazzettameridionale.com
Salvo accordi scritti le collaborazioni con la redazione di Sport Online sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite.