AIC: il video con le confessioni del calciatore pentito

mercoledì 23 maggio 2012

di Giovanni Sgobba
BARI- "Sono rovinato. Mi vergogno perché ho tradito i miei compagni che non sapevano nulla, la mia famiglia, mio figlio". Nel video si vede un ex-calciatore di spalle e dal marcato accento toscano che racconta il suo avvicinarsi all'illegalità e del sempre più continuo sprofondare nel torbido mondo delle scommesse. Poche parole d'impatto con cui l'Aic (Associazione italiana calciatori) ha cercato dapprima di sensibilizzare i calciatori di Serie A e Serie B, e con cui ora, rendendo pubblico il filmato, sta cercando di far riflettere il mondo del calcio intero. L'invito ed il consiglio è quello di non starsene zitti, omertosi, ma di denunciare per salvare un gioco fin troppo spesso macchiato. "Non sporcare una bella storia, non farti male da solo",si sente in chiusura di filmato. Così, infatti, si è espresso Damiano Tommasi, presidente dell'AIC: "Sono nati parecchi confronti e scambi di opinione in tanti spogliatoi n alcuni casi ci siamo fermati a parlarne per più di un'ora, di come esporci, di come uscirne e soprattutto di come difenderci. In altri l'emozione è stata forte, silenzio e riflessione, che è quello che volevamo"
Qui di seguito il video estratto da Repubblica: video-confessione del calciatore pentito



Se questo articolo ti è piaciuto seguici su Facebook!









0 commenti:

Posta un commento

Dite la vostra!

Video Calcio

Loading...
Loading...





Responsabile dei Servizi Sportivi: Mario Schena
 
Calcio Online © 2017 | Designed by Studio Sciortino Bari per La Gazzetta Meridionale.it e Sport Online
Calcio Online - Sport Magazine non registrato supplemento de La Gazzetta Meridionale.it | Direttore Responsabile Vito Ruccia - Vicedirettore: - Editore Proprietario: Studio Sciortino Bari | Spot by Aruba Media Marketing
Per la vostra Pubblicità su questo Magazine Online inviate una e-mail a: commerciale@lagazzettameridionale.com
Salvo accordi scritti le collaborazioni con la redazione di Sport Online sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite.