Tale padre, tale figlio: Rivaldo jr e il goal in rovesciata

giovedì 26 aprile 2012

il goal di Rivaldo in rovesciata
di Giovanni Sgobba
MOGI MIRIM (BRASILE) - Quando pensiamo a Rivaldo, certamente ce lo ricordiamo con addosso la camiseta blaugrana, club nel quale ha giocato per 5 stagioni (le sue migliori) vincendo anche il Pallone d'oro nel 1999. Dopo il Barcellona passò  come meteora nel Milan, per poi girovagare per il globo. Ma tra le sue tante prodezze c'è un'istantanea, una fotografia che sintetizza quei suoi anni splendidi in Spagna: stop di petto e goal in rovesciata siglato al 90' che diede la vittoria al Barcellona per 3-2 sul Valencia. Un gesto atletico elegante, un mix di tecnica ed istinto avvenuto in un momento critico della partita, ma è quella follia che distingue il campione dal comune giocatore e che rende fortunato chi può assisterlo dal vivo.
Un gesto irripetibile?Può darsi per molti, ma non per la famiglia Rivaldo. A distanza di 11 anni infatti, suo figlio Rivaldinho, che attualmente gioca in una squadra brasiliana, il Mogi Mirim, avrà così tante volte chiesto al padre i segreti di quel gesto, che l'ha emulato alla perfezione: situazioni diverse, contesti diversi certamente, ma quando Rivaldo Jr. ha segnato con una perfetta "bicicleta", il paragone con il padre è stato quasi un obbligo.

Qui il video con il confronto delle due realizzazioni 








0 commenti:

Posta un commento

Dite la vostra!

Video Calcio

Loading...
Loading...





Responsabile dei Servizi Sportivi: Mario Schena
 
Calcio Online © 2017 | Designed by Studio Sciortino Bari per La Gazzetta Meridionale.it e Sport Online
Calcio Online - Sport Magazine non registrato supplemento de La Gazzetta Meridionale.it | Direttore Responsabile Vito Ruccia - Vicedirettore: - Editore Proprietario: Studio Sciortino Bari | Spot by Aruba Media Marketing
Per la vostra Pubblicità su questo Magazine Online inviate una e-mail a: commerciale@lagazzettameridionale.com
Salvo accordi scritti le collaborazioni con la redazione di Sport Online sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite.